• condividendopoesia

LE VITE DEI POETI: GIOCONDA BELLI


a cura di Imma Paradiso




Gioconda Belli (Managua, 9 dicembre 1948) è una poetessa, giornalista e scrittrice nicaraguense. Nasce in Nicaragua, nel 1948 da una famiglia di origini italiane. Seconda di cinque fratelli, Gioconda ha la fortuna di appartenere alla borghesia nicaraguense, cosa che le permette di portare avanti gli studi prima in Spagna e poi negli Stati Uniti, dove si diploma in giornalismo a Filadelfia. L’anno dopo, appena compiuti i diciotto anni, si sposa. Nasce la prima figlia, e la sua vita è quella di una signora borghese, che non vede alternative alla dittatura che insanguina il paese. La lettura dei libri femministi di Germaine Greer, Betty Friedan, Simone de Beauvoir alimenta nuove idee, finché nel 1970, grazie a un collega di lavoro che le apre nuovi orizzonti culturali e di cui diviene l’amante, incomincia l’impegno politico. Belli inizia una doppia vita: in apparenza è ancora una perfetta signora borghese, ma, in realtà è una fiancheggiatrice del Fronte Sandinista di Liberazione Nazionale e con una storia parallela rispetto a quella matrimoniale. Dal 1970 comincia a pubblicare le sue poesie su diverse riviste letterarie del suo paese, ottenendo i primi riconoscimenti in ambito nazionale. Si separa dal marito, si innamora di un dirigente sandinista, Marcos, e si impegna sempre più attivamente nel Fronte Sandinista. Nel 1975 affida le sue figlie ai genitori perché costretta a rifugiarsi all’estero per evitare l’arresto. Racconta di quegli anni nel suo primo romanzo, pubblicato nel 1988, La donna abitata, in cui leggenda e realtà si mescolano attraverso la storia di due donne, vissute in epoche diverse, Dopo essere fuggita in Messico, dove scrive nei primi tre mesi le poesie di Linea de fuego che vincerà a Cuba il premio Casa de Las Amèricas nel 1978, Belli, per decisione di Marcos, si reca in Costa Rica per organizzare la rete dei rifugiati, divorzia dal marito e riesce a farsi raggiungere dalle figlie. Dopo la morte di Marcos si risposa e ha un altro figlio. Ma, nonostante gli impegni familiari accresciuti, continua alacremente a sostenere la guerriglia. Nel 1979, dopo la vittoria della rivoluzione sandinista, Gioconda Belli può tornare finalmente a Managua e le viene affidata la direzione della televisione di stato. Potrebbe finalmente trovare la tranquillità , ma si innamora di uno dei nove membri della Direzione Nazionale, e, pur lacerata dai sensi di colpa, rompe il matrimonio e inizia un nuovo rapporto devastante e contraddittorio. Nel 1984 arriva un nuovo amore; si tratta di un giornalista americano di origine italiana, Belli lo sposa nel 1987 e inizia la sua seconda vita, divisa tra l’America e il Nicaragua, dedita soltanto alla famiglia e alla letteratura, pubblicando romanzi tradotti poi in tutte le lingue. Al primo romanzo seguiranno altre otto opere di narrativa: nel 1990 Sofia dei presagi, nel 1996 Waslala, nel 2001 Il paese sotto la pelle, racconto pienamente autobiografico degli anni della lotta sandinista, nel 2007 La pergamena della seduzione, rivisitazione storica della vita di Giovanna la Pazza, nel 2008 L'infinito nel palmo della mano, nel 2001 Nel paese delle donne, nel 2015 L'intenso calore della luna e infine nel 2019 Le febbri della memoria.


IL COMPONIMENTO POETICO: E Dio mi fece donna, con capelli lunghi, occhi, naso e bocca di donna. Con curve e pieghe e dolci avvallamenti e mi ha scavato dentro, mi ha reso fabbrica di esseri umani. Ha intessuto delicatamente i miei nervi e bilanciato con cura il numero dei miei ormoni. Ha composto il mio sangue e lo ha iniettato in me perché irrigasse tutto il mio corpo; nacquero così le idee, i sogni, l’istinto Tutto quel che ha creato soavemente a colpi di mantice e di trapano d’amore, le mille e una cosa che mi fanno donna ogni giorno per cui mi alzo orgogliosa tutte le mattine e benedico il mio sesso

COMMENTO CRITICO:

Un inno alle donne, scritto da una donna impegnata nella lotta politica e con una vita avventurosa e complicata. Ed è proprio così una donna con mille sfaccettature, un corpo sensuale e un'anima piena di sogni.





10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti