• condividendopoesia

COME UN FALCO


4a giornata - di Franco Carta





Ieri ti ho sentito respirare

in ogni cosa che ho desiderato.

Mi spunta un sorriso,

come se mi fossi accanto.

I tuoi occhi mi interpellano.

Pochi sanno farlo così.

Capace di distinguere ogni tonalità

come un falco.

Ti canterei ancora,

con parole sussurrate

di quanto si può amare

anche solo l’idea,

che i tuoi occhi si tuffino nei miei.

Fino alla fine guardo

i tuoi occhi spegnersi nella notte,

come un marinaio il suo faro nel porto.

Le mie parole barcollano

diventano piume

che si adagiano

dolcemente sul tuo seno.

Cento nodi non stringono così forte.

Tutto andrà bene, seguimi.







12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IN UNA MORSA

SENZA TITOLO

IO MI VERGOGNO