• condividendopoesia

NEL GIARDINO DELL'ORCO


di Cilenti Emanuele - 1a giornata




Ho piantato una rosa

le ho dato il mio nome

e tutto il mio amore

l'ho annaffiata con le mie lacrime

e concimata con il mio sangue.


Ma lui la vuole calpestare

sradicare

uccidere

ma io non voglio

che le faccia del male

perché ne ha già fatto tanto a me.


La difendo col mio corpo

mentre lui con ferocia mi frusta

anche se sento dolore

continuo a difendere la mia rosa

dalle mie cicatrici e dai miei lividi

schizza del sangue

che fluisce tra i solchi della terra.


Adesso non ci sono più

mi ha uccisa

ho pianto

ho sofferto

ho sanguinato

ma nel giardino dell'orco

adesso son nate tante rose

e col loro profumo

profumano il cielo

e inebriano il paradiso.







92 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

AVA

OCCHI

CREDO