• condividendopoesia

SALVATI ALMENO TU


di Emanuele Cilenti - 8a giornata







Caro amico

siedi accanto a me

ti racconto qualcosa di unico

ricordo quando eravamo umani

e ci stringevamo ancora le mani

ma ora cosa c'è di reale

se pure il mare non sa più di sale?


Il mondo è impazzito

morto stecchito

non parla più

non sogna più

ma salvati almeno tu!


Guarda quanti pazzi

davanti ad un cellulare

persi dentro

un labirinto virtuale

giocano a nascondersi

dalla realtà

sono tutti schiavi

della loro stessa vanità.


Ora passeggio solo

e non ho più amici non c'è nemmeno più il sole a scaldarmi

è imprigionato in qualche foto di Instagram è sempre notte

e son finiti pure i sogni e non c'è più nessuno che mi sveglia da falsa questa realtà.











49 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

IN UNA MORSA

SENZA TITOLO

IO MI VERGOGNO